Isola di Ios: scopri il fascino dell’isola di Omero

Brulla, mare cristallino, distese di sabbia ed una chora superlativa, son solo alcune delle caratteristiche della splendida isola di Ios; a pochi “passi” da Santorini, è una meta perfetta da abbinare alla “Signora delle Cicladi“.

Siete pronti a scoprire i segreti dell’isola di Ios e tutti i consigli utili per vivere una vacanza da vero isolano?

Come arrivare a Ios

traghetti santorini ios

Ad Ios è impossibile arrivarci direttamente dall’Italia, ma niente paura perché, dalla vicina Santorini, le distanze sono davvero brevi, ed è proprio da li che noi siamo arrivati; inoltre è collegata via mare anche con altre isole come Paros, Mykonos, o si può arrivare direttamente da Pireo.

Ios, quest’anno, non era nei nostri programmi; il nostro piano iniziale, infatti, prevedeva di restare una settimana a Santorini in occasione della Pasqua greco-ortodossa.

Ma una vocina, sempre quella vocina (ragazzi tranquilli non sono pazza!) una volta presi i biglietti per Santorini, ha iniziato a ripetermi << sei a pochi chilometri da Ios, un salto non lo vuoi fare?>>. Bene! Cerchiamo subito un traghetto per Ios e fiondiamoci! Fortuna ha voluto che trovassimo l’unico traghetto che facesse da spola in quella settimana, anche se questo comportava stare ad Ios esattamente 24 ore, ma comunque grazie Blue Star Ferries per l’opportunità.

Arrivati a Santorini la mattina di mercoledì 20 Aprile, dopo una sosta a Fira, ci siamo recati col servizio bus locale al porto Athinios e, da lì, nel pomeriggio, abbiamo lasciato l’isola, direzione Ios.

Dove alloggiare a Ios

Dopo circa un’ora siamo sbarcati sull’isola, e già quello che si intravedeva dall’apertura dello sportellone della nave faceva presagire che Ios sarebbe stata una vera scoperta. Una volta salpati ci siamo recati subito presso il nostro Hotel, sito sulla piazzetta del porto.

In questi giorni, in molti, mi hanno chiesto consigli su dove poter alloggiare e, le zone che mi sento di consigliare son due:

  • zona porto: per chi preferisse starsene un pò tranquilli;
  • chora: ottimo punto strategico per muoversi sull’isola e per chi è alla ricerca del divertimento, giusto ma non eccessivo.

Il porto dista solo 2 km dalla chora, ed è possibile raggiungerla anche a piedi; bisogna, però, fare un bel pò di scale, oppure la si può raggiungere in pochissimi minuti di auto.

Isola di Ios: come muoversi

L’isola non è molto grande, in tanti, infatti, si affidano al servizio BUS locale che collega il porto e la chora con alcune spiagge note. Noi, per una questione di comodità abbiam voluto noleggiare l’auto, e devo dire che abbiamo fatto bene.

Come detto poc’anzi, il bus non ti porta ovunque ma solo nelle spiagge più note, quindi se avete intenzione di visitare qualcosa di insolito (come quello che abbiamo fatto noi) o cercare – magari – qualche caletta isolata, a questo punto, vi consiglio di noleggiare un mezzo.

Ios: cosa fare

Il biglietto del bus costa all’incirca 2,50€, mentre per il noleggio dell’auto, nel mese di Aprile, il costo si aggira intorno ai 30,00 € al giorno.

Si sa, Ios è l’isola del divertimento, non per niente è soprannominata “la piccola Mykonos“, ma non preoccupatevi amanti della tranquillità, perché la “festa” inizia solo nel tardo pomeriggio, quindi potrete sfruttare quelle ore di pace per visitare la chora o prendere il sole in spiaggia, soprattutto a Mylopitas, fulcro del divertimento sfrenato. Inoltre non potete perdervi questa esperienza da fare a Ios.

La chora di Ios

La chora di Ios è il cuore pulsante dell’isola, impossibile non volersi “perdere” tra i suoi vicoletti così bianchi e perfetti. In perfetto stile cicladico con case in calce bianca, infissi per lo più azzurri, mulini e chiesette che si ergono fino al punto più alto, la chora è uno spettacolo per gli occhi e per l’anima. Dalla via principale, la Main Street, dove troverete una sfilza di negozietti, bar, mini market e qualche taverna, raggiungerete in men che non si dica la zona dei famosi mulini a vento di Ios:vedere il tramonto, da qui, è quasi d’obbligo.

ios chora

Per chi se lo chiedesse, nella chora sono presenti all’incirca 20 chiese, tra le quali, la più famosa ed importante è la Panagia Gremniotissa! Arrivarci non è molto facile, infatti, prima di beccare la giusta via ci ho impiegato ben un’ora (colpa del navigatore)! ma non disperate, perché vi metterò esattamente le indicazioni che dovrete seguire per arrivarci senza problemi. Da qui il panorama è da togliere il fiato, ed è, infatti, un altro punto dal quale poter ammirare il tramonto…io ci son stata all’alba e, credetemi, il risultato è ugualmente fantasmagorico.

Le spiagge di Ios

Essendo Aprile non abbiamo avuto modo di fare il bagno, ma questo non ci ha impedito di andare a dare un’occhiata ad alcune spiagge e respirare aria di mare. Sull’ isola Ve ne sono circa 30, quindi, capirete bene che la scelta non è affatto facile.

  • La prima che abbiamo visto è stata Agia Theodoti, e, da quello che abbiamo reperito in rete, non è molto frequentata dai giovani e, soprattutto, non è molto “pubblicizzata” (passatemi il termine); sarà quindi per questo che noi, invece, abbiamo sentito il richiamo. A pochi chilometri da Chora l’abbiam raggiunta in breve tempo, e, già dall’alto, si vedeva la magnificenza del posto: lunghissima distesa caratterizzata da un mix tra sabbia e pietruzze e mare così azzurro che sembrava una piscina. Durante la stagione balneare offre il servizio di sdraio ed ombrelloni, un chiosco e soprattutto un enorme parcheggio;
ios spiagge
  • la seconda spiaggia è stata quella del porto, Gialos, perfetta per chi è in attesa del traghetto ed ha solo poche ore per poter prendere l’ultimo sole sull’isola. Per chi, invece, avesse voglia di fare altro, può optare per una piccola escursione, con meta finale la chiesa di Agia Irini, che dista a piedi solo 12 minuti circa. La chiesa è davvero un gioellino, adagiata sul promontorio che affaccia sul porto, è stata la prima cosa che ho visto appena sbarcata sull’isola.

Siti archeologici dell’isola di Ios

Sull’isola ci si può dedicare anche al lato culturale visitando lo Skarkos, il sito archeologico situato a breve distanza da Chora. Esso è noto per essere il miglior esempio di villaggio risalente all’Età del Bronzo di tutta la Grecia: pensate! È possibile avvistarlo anche da alcuni punti nei pressi della Chora.

Alcuni dei materiali che sono stati rinvenuti in loco sono conservati all’interno del piccolo Museo Archeologico di Ios, anch’esso visitabile.

L’Anfiteatro di Elytis Odysseas prende il nome dal poeta stesso e si trova in cima alla collina della Chora, proprio dietro i mulini a vento; se siete fortunati potreste, addirittura, prendere parte agli eventi che si tengono in estate, come ad esempio concerti musicali, spettacoli teatrali ecc… Anche dalla zona dell’anfiteatro è possibile assistere ad un tramonto indimenticabile.

Qui ad Ios potrete, inoltre, rendere omaggio alle spoglie del grande Omero. Ed è proprio qui, sull’ isola, infatti, che il grande poeta ha esalato il suo ultimo respiro, e, da allora giace sepolto nella sua tomba a Plakoto, nella parte più settentrionale dell’isola su una collina.

Visita al caseificio dell’isola di Ios

Caseificio Diaseli isola di Ios

Durante il mio soggiorno qui ad Ios sono uscita dagli schemi turistici, facendo una cosa che nessuno mai pensa di fare, e che, invece, merita assolutamente: visita con degustazione al caseificio Diaseli, l’unico sull’isola di Ios; perciò golosi di formaggi e soprattutto tutti voi che volete vivere un’esperienza diversa, da oggi, leggendo questo articolo, potrete optare per questa esperienza unica.

Dove mangiare ad Ios

Sainis

Taverna Sainis - dove mangiare sull'isola di Ios

Avendo solo un giorno a disposizione, eravamo davvero indecisi su dove andare a mangiare; in tantissimi, tramite la pagina Instagram, mi avevano consigliato vari posti, quindi come fare a scegliere? Quando siete in dubbio chiedete alla gente del posto, proprio come abbiamo fatto noi chiedendo consigli a tre persone. I nomi consigliatici son stati: The Nest, Katogi, Mills e Sainis, ma solo uno di loro è stato nominato da due persone su tre, quindi a spuntarla è stato il più “nominato”, ovvero SAINIS.

Aperto dal 1960, questo storico ristorante di famiglia, vanta ricette segrete molto apprezzate sia dai greci che dagli stranieri, ed io non posso fare altro che confermare. La taverna si trova nel cuore della Chora (aperto tutto l’anno, questa è una caratterista che contraddistingue le vere taverne da quelle turistiche), nascosta dal traffico pedonale, molto caratteristica e la cortesia dei titolari è unica. Una volta accomodati al tavolo siamo stati omaggiati con un bicchierino di Oinomelo (noto anche come Krasomelo, menzionato per la prima volta da Omero nell’ Odissea; era, infatti, il vino offerto ad Ulisse dalla maga Circe) un liquore dolce aromatizzato al miele, cannella e chiodi di garofano, in pratica un vin brulè freddo in versione greca.

Dopo aver assaporato quel vino che, fino a quel momento, non avevo mai bevuto (bbono!), abbiamo dato una sbirciatina al menù restando piacevolmente sorpresi quando abbiamo visto che non c’erano i soliti piatti “turistici” ma pietanze con prodotti locali (per lo più meze), soprattutto a base di deliziosi formaggi di Ios.

Se capitate ad Ios, mi raccomando, la sosta qui è obbligatoria! E, soprattutto, vi consiglio i dakos con lo xinotiri al posto del mizythra ed accompagnate il tutto con una bottiglia di vino, anch’esso rigorosamente locale.

Akrogiali

Mancano poche ora per lasciare Ios ma avete voglia di una pita al volo? Allora vi consiglio un pita break da Akrogiali, situata proprio sulla piazzetta del porticciolo, a pochi metri dal terminal dei traghetti.

Tramonti imperdibili sull’isola di Ios

Concludo questo articolo scrivendo i cinque luoghi in cui poter ammirare tramonti imperdibili sull’isola di Ios:

Tramonti su isola di Ios
  • Area vicino al Teatro Odysseas Elytis, si affaccia sulla Chora;
  • Dal faro, anche se dovrete camminare un pochino (circa mezz’ora);
  • Panagia Gremniotissa: oltre a sostare sul piazzale, potete continuare a salire fino alle tre chiesette poste sopra di esso;
  • Dai mulini;
  • Dalle spiagge che si trovano nella parte occidentale dell’isola.

You may also like

13 commenti

  1. Che paradiso! Il tuo blog è davvero molto bello e contiene articoli davvero utili e ricchi di informazioni per poter organizzare al meglio un viaggio in questa terra magica. Complimenti ti seguirò con piacere.

  2. Adoro la Grecia e le sue isole! Ho pensato tante volte di andare a Ios e poi alla fine ho sempre cambiato destinazione per cui ti ringrazio dell’approfondimento perché i gradini imbiancati della chora mi hanno fatto battere il cuore

  3. Ho visto varie isole delle Cicladi ma non sono mai stata a Ios ovviamente mi piacerebbe scoprirla e capisco la tua voglia di vederla anche in sole 24 ore, almeno hai una visione generale dell’isola

  4. Bellissima Ios, meno affollata della sorella maggiore Santorini ma non meno bella. Viva quanto basta, ha spiagge splendide e un mare trasparente. È stata una vacanza bellissima.

  5. Adoro la Grecia, ti seguirò con piacere nelle tue peregrinazioni! Anche noi da Santorini, anni fa, abbiamo fatto una deviazione molto piacevole, verso Folegandros. Meravigliosa!

  6. Sicuramente se facessi un viaggio in Grecia, spulcerei il tuo blog da capo a fondo perché è ben strutturato e dai consigli preziosi. Spero di vedere presto le sue isole e tra queste Ios.

  7. Direi che hai fatto benissimo a non fartela scappare durante la tua visita a Mykonos! Non ci sono mai stata ma vedo che è veramente bellissima. Peccato solo che sia così festaiola, ma forse nella bassa stagione o in quelle di mezzo non lo è così tanto?

  8. Adoro la Grecia e avrei tanto voglia di tornarci, gustandomi queste isole magnifiche fuori stagione. Sarà che ormai ho una certa età e non sono più molto “festaiola” : ). Direi che con il ristorante ci avete preso in pieno!

Rispondi